Segui Facebook Twitter Google+ Instagram | Contatta |
Supporta Woork Up per mantenerlo libero dalla pubblicità Diventa Abbonato

Il “Tossico che ha annunciato il Papa”. Quando la rete confonde l’ironia con l’ignoranza.

Due pagine su Facebook che ironizzano sul Parkinson del cardinale Jean-Louis Pierre Tauran hanno raccolto quasi 60mila like. Ironia o totale mancanza di rispetto?

Il cardinale Jean-Louis Pierre Tauran che ha annunciato l'elezione di Papa Francesco durante l’Habemus Papam a Piazza San Pietro.Il cardinale Jean-Louis Pierre Tauran che ha annunciato l'elezione di Papa Francesco durante l’Habemus Papam a Piazza San Pietro.

Ne parlo oggi, con un po’ di ritardo rispetto al chiacchiericcio mediatico di tutto quello che è stato detto e scritto nei giorni scorsi sull’elezione di Papa Francesco I. Tratto la questione in maniera spicciola ed estremamente sintetica. I commenti li lascio a voi.

A chi ha seguito l’Habemus Papam non sarà sfuggito lo “strano” modo di parlare del cardinale protodiacono Jean-Louis Pierre Tauran che dalla finestra affacciata su Piazza San Pietro ha annunciato il nome di Jorge Mario Bergoglio come il nuovo vescovo di Roma.

Poco dopo su Facebook sono comparse due pagine che ironizzano pesantemente sul modo di parlare e sulle “movenze” del cardinale. Il titolo, “Il Tossico Che Ha Annunciato Il Papa”. La descrizione, “L’uomo che si è fatto la fumata bianca”. Le pagine, al momento, hanno rispettivamente 46.000 e 10.000 like e registrano un trend in continua crescita. Sarebbe tutto molto comico e divertente. Per la serie, fumati una bella canna e vai con lo sballo. Se non fosse che il cardinale Tauran è affetto dal morbo di Parkinson. Per chi non lo sapesse è una malattia degenerativa, altamente invalidante, che porta alla morte.

Agli imbecilli che hanno creato le pagine, sapete, non fa per niente ridere. Agli imbecilli che hanno premuto like, sapete, anche questo, non fa per niente ridere. Non è questione di essere bacchettoni o di “scandalizzarsi per così poco”. E’ un’offesa feroce a tutti quei malati e a tutte le famiglie di coloro che sono devastati dal morbo. E dico devastati. Perché il Parkinson è come il cancro. Non lascia grandi speranze.

Scherzate con tutto quello che volete. Ma abbiate un minimo, dico un minimo soltanto, di buonsenso. Un minimo di sacrosanto rispetto. E soprattutto un briciolo di sensibilità e d’intelligenza. Fatelo almeno per voi stessi. Per evitare di apparire identici a un anonimo branco di pecore, coi cervelli spenti, addormentati, inconsapevoli di tutto quanto, capaci giusto di premere un bottone su Facebook e farvi una mezza risata. Convinti, a torto, di aver fatto la cosa più divertente della vostra vita.

TAG