Segui Facebook Twitter Google+ Instagram | Contatta |
Supporta Woork Up per mantenerlo libero dalla pubblicità Diventa Abbonato

Twitter e il mercato dei fake followers: un business da 360 milioni di dollari

Twitter: circa 20 dei 500 milioni di utenti attivi sono fake e smuovono un business stimato tra i 40 e i 360 milioni di dollari.

Jack Dorsey, fondatore di TwitterJack Dorsey, fondatore di Twitter

La ricerca è di due italiani, Andrea Stroppa e Carlo De Micheli, ricercatori nell’ambito della sicurezza delle informazioni. Oggi sono finiti sul New York Times. Hanno stimato il valore dell’economia “sotterranea” dei fake followers su Twitter. Le cifre sono da capogiro.

Secondo quanto riportato dall’autorevole quotidiano i due avrebbero speso gli ultimi mesi a studiare il sottobosco del mercato dei fake follower e avrebbero stimato che circa il 4% dei 500 milioni di utenti attivi sulla piattaforma di microblogging sarebbero finti.

Twitter ha circa 20 milioni di utenti fake. E le compagnie che lucrano su questo mercato smuovono un business stimato tra i 40 e i 360 milioni di dollari.
In pratica, circa 20 milioni di utenti che affollano il popolare social network sarebbero dei “bot” venduti da compagnie a chi volesse rimpolpare la propria presenza on line a suon di numeri. In genere i fake follower sono venduti a pacchetti di qualche migliaio fino a un milione. Considerando che il costo medio di 1.000 follower si aggira intorno ai $18 dollari e che, a seconda dell’offerta il ricavo unitario può variare dai 2 ai 30 dollari per fake follower, stiamo parlando di un business globale tra i 40 e i 360 milioni di dollari.

Rispetto a quanto osservato un anno fa, il fenomeno dei fake follower è dilagato. I software che generano in automatico i finti utenti sono sempre più raffinati. In molti casi, oggi, è perfino difficile riconoscere se un certo utente sia reale o un fake. Questi profili fake evoluti pubblicano costantemente dei tweet di senso compiuto, immagini e retwittano i tweet di altri utenti, specialmente dei profili più in vista.

Negli ultimi mesi Twitter ha tentato di arginare il fenomeno. Automaticamente, è quasi impossibile dicono. Secondo Jim Porsser, un portavoce di Twitter, «quello che a prima vista potrebbe sembrare un account fasullo potrebbe invece essere di qualcuno che è su Twitter semplicemente per seguire altre persone». In pratica si può esprimere solo una probabilità di “veridicità” su ogni singolo account. E riguardo al fenomeno dei fake follower conclude: «per noi è un serio problema».